Magazine » Mente, corpo e connessioni »
Goffaggine o Disprassia?

03/11/2020

Sul sottile confine dei disturbi neuro-psicomotori con la dott.ssa Alice Riolo

Continuiamo a parlare di neuropsicomotricità, oggi cerchiamo di comprendere la DISPRASSIA.

La dott.ssa Alice Riolo spiega: "la disprassia è un disturbo della coordinazione motoria nella quale il bambino presenta difficoltà nel pianificare e mettere in atto delle sequenze motorie atte al raggiungimento di uno scopo, come per esempio vestirsi. Le cause sono ancora sconosciute ma si pensa ad un’immaturità di alcuni processi relativi al sistema nervoso centrale che ostacolano in maniera significativa la vita quotidiana del bambino. Non è dovuta ad una disabilità intellettiva infatti il quoziente cognitivo risulta assolutamente nella norma anche se può essere presente una disprassia secondaria associata ad alcune patologie neuro evolutive. Per la diagnosi vengono effettuati test specifici per la coordinazione motoria come l’APCM e l’ABC- Movement, che sono in grado di individuare eventuali difficoltà del bambino"

Esistono più tipi di disprassia?
"Si, ecco i principali:
Disprassia ideomotoria
Disprassia ideativa
Disprassia costruttiva
Disrassia orale"

Come si può capire che un bambino soffre di questi disturbi?
"Purtroppo l’individuazione di questo disturbo non è così semplice ma è possibile individuare alcuni campanelli di allarme che possono portare il genitore ad approfondire alcuni aspetti, per esempio: un ritardo nelle tappe di sviluppo motorio, movimenti goffi o impacciati, capacità o performance sportive inferiori alla norma, disgrafia, incapacità a vestirsi, incapacità a mangiare in autonomia, allacciarsi le scarpe…. Un intervento precoce è fondamentale per il bambino soprattutto prima dell’inizio della carriera scolastica in quanto la disprassia può comportare difficoltà negli apprendimenti e nella scrittura. E’ importante che venga messo in atto un programma riabilitativo specifico condiviso con la scuola e la famiglia in modo da lavorare a 360° sulle difficoltà del bambino"


E' sempre possibile chiedere informazioni o un appuntamento contattando la segretria di Arbor Vitae: 0541 24822 - segreteria@centroarborvitae.it 

Per leggere il precedente articolo sulla neuropsicomotricità clicca qui.

Richiedi informazioni



Condividi sui social:
 

Nuova sede di Centro Arbor Vitae in Riccione

Se sei un professionista della salute e stai cercando uno studio in Riccione, ma soprattutto stai cercando un gruppo di lavoro animato dalla fiducia nel paradigma della medicina integrata, contattaci! Valutiamo candidature.
Scrivi a: simona.comello@centroarborvitae.it

x chiudi