Magazine » Cultura e società »
Bambini a casa: routine e tempo per sè

29/03/2021

E il tempo senza fare nulla può essere un tempo ricco

La gestione della famiglia per tanto tempo sotto lo stesso tetto non sempre è facile, soprattutto è impegnativa, o vissuta come tale, la presenza dei bambini in casa per tante ore, incluse quelle di didattica a distanza.
La dott.ssa Martina Di Matteo (psicologa) condivide qualche spunto di riflessione:

“le cose da fare con i nostri figli possono essere tante e sicuramente molti genitori le hanno messe in pratica in questi mesi: giocare insieme, disegnare, guardare un film, preparare un piatto da condividere. Quello che vorrei aggiungere è che può essere utile inserire questi momenti in una sorta di routine quotidiana”.

La routine è utile soprattutto per i più piccoli: “se si riescono ad avere dei ritmi scanditi durante la giornata questo aiuta i bambini a sentirsi rassicurati, a sentirsi meno in balìa di una situazione nuova.

Si tratta di mantenere dei momenti fissi nell’arco della giornata: ad esempio il momento della merenda o alcuni “ruoli” che i bambini avevano a scuola, ad esempio il ‘portatore del pane’ a tavola. I ‘compiti’ casalinghi possono essere anche inventati e poi mantenuti nel tempo per creare un ritmo-routine che abbia una dimensione stabili-rassicurante in un periodo così pieno d’incertezze”.

Per gli adolescenti e pre-adolescenti può invece essere importante avere dei momenti e degli spazi tutti per sé: “può essere la camera o un’altra zona della casa, avere il proprio ‘luogo sicuro’ , un posto in cui mi raccolgo, un tempo tutto mio che va rispettato”. Questo spazio-tempo per sé è importante anche per gli adulti, non solo per i nostri ragazzi.

L’argomento sulla gestione del tempo con i nostri figli, piccoli o grandicelli, è molto ampio e non può essere esaurito in un articolo, ma è importante aggiungere un’ulteriore considerazione:
“Non sempre sapremo cosa fare, non sempre avremo pronte delle idee o delle attività da proporre ai bambini, in quel caso non entriamo in ansia – spiega la dott.ssa Di Matteo – a volte si può occupare il tempo semplicemente non facendo niente. Non è un tempo vuoto, è un tempo pieno, è comunque un momento di relazione e in quanto tale, produttivo ed utile”.

Infine, non è escluso che i nostri figli possano vivere fasi di regressione o di aggressività: “sono situazioni che di solito il genitore riconosce e non devono subito destare preoccupazione in quanto possono essere mere richieste di più attenzione in questo momento particolare di vita”.

L’importante è “contestualizzarli dentro il contesto di ‘zona rossa', dentro un periodo di ‘pandemia’ in cui quasi ogni cosa ‘normale’ è stata stravolta. Quindi il consiglio è di monitorare senza ansie ed eventualmente, se questi momenti perdurano e preoccupano, chiedere consiglio ad un professionista

-------------------------
Per informazioni o appuntamenti con la dott.ssa Di Matteo o altri professionisti di Arbor Vitae: 0541 24822 - segreteria@centroarborvitae.it
Per conoscere meglio i servizi di supporto all'età evolutiva e alla famiglia, clicca qui

Richiedi informazioni



Condividi sui social:
 

Nuova sede di Centro Arbor Vitae in Riccione

Se sei un professionista della salute e stai cercando uno studio in Riccione, ma soprattutto stai cercando un gruppo di lavoro animato dalla fiducia nel paradigma della medicina integrata, contattaci! Valutiamo candidature.
Scrivi a: simona.comello@centroarborvitae.it

x chiudi