Archivio corsi » Corso di formazione in meditazione

Corso annuale di meditazione: tecniche per praticarla e insegnarla.

Teoria e pratica della meditazione come mezzo di conoscenza e di salute.
Otto weekend, uno al mese, a Rimini.

Edizione 2020/2021: CORSO di FORMAZIONE in MEDITAZIONE a RIMINI.

L’Istituto di Ricerca e Formazione Alétheia organizza un corso di meditazione, unico nel suo genere, che lega tre grandi tradizioni spirituali: yogica, buddista e cristiana.
Attraverso le lezioni, teoriche e pratiche, con insegnanti di profonda conoscenza ed esperienza, come Padre Axel Bayer, Swami Rajeswarananda e Ven. Tenzin Khentse, imparerete le tecniche della meditazione e sarete in grado a fine corso di diventare voi stessi insegnanti di questa arte.

Il percorso è arricchito dall’insegnamento del dott. Alberto Chiesa e del dott. Lorenzo Berti, in merito alle implicazioni psico-fisiche e alla mindfulness. La meditazione può permettere di conoscere, gestire e superare i condizionamenti che creano un muro tra noi stessi e l’esistenza. Un percorso di formazione per scoprire te stesso e diffondere la meditazione attraverso l’insegnamento.
Un’occasione per conoscere e praticare la meditazione come mezzo di autoconoscenza e salute. Salute fisica, mentale e dello spirito. La formazione prevede approfondimenti di psicologia e fisiologia collegate alla meditazione.

Aperte le iscrizioni alla nuova edizione, chiama il numero 0541/24822 o invia una mail a info@istitutoaletheia.com.

Nota importante: La motivazione che anima gli insegnanti e gli organizzatori è quella di far conoscere i vari strumenti di pratica espressi dalle tre tradizioni, non con intento sincretico. Ogni persona successivamente sarà in grado di scegliere la tradizione che sente più in sintonia con le proprie esigenze interiori.

Calendario e programma

Edizione 2020/2021
Calendario e programma

13 - 14 giugno 2020
Conduce: Swami Rajeswarananda.
Yoga di Sintesi di Swami Sivananda; i quattro percorsi dello Yoga; teoria sulla concentrazione; fondazione e basi della meditazione; i tre punti di regolarità; l’importanza della respirazione nella meditazione; i tre punti di concentrazione e relative tecniche; conoscere i tre livelli della mente per creare un'abitudine alla meditazione e una pratica solida; i mantra, teoria e pratica.
(Cod. MD-01)

4 - 5 luglio 2020
Conduce: Ven. Tenzin Khentse.
Introduzione al suo programma: “La meditazione nel bubbhismo tibetano sostanzialmente si divide in due aspetti principali; la meditazione concentrativa o shinè, samathà in sanscrito e meditazione analitica o lagthon,  vipassana in sanscrito. La meditazione concentrativa, che inizia con la consapevolezza sul respiro, ci insegna a non distrarci, a non permettere alla mente il continuo divagare da un oggetto all’altro senza controllo. La meditazione analitica a sua volta ha due aspetti; nel primo si utilizza la concentrazione senza distrazioni per analizzare e conoscere a fondo i vari temi di indagine come: gli oggetti dei sensi, il sorgere delle sensazioni, l’imputazione di un significato, gli elementi costitutivi dei nostri aggregati fisici, gli oggetti della nostra coscienza e l’aspetto della nostra mente o coscienza, nel suo aspetto più profondo la meditazione analitica indaga sulla vera natura sia degli oggetti esterni che degli oggetti della consapevolezza, nonché sulla vera natura della mente stessa. Nonostante la complessità e la vastità dell’argomento è comunque possibile trasmettere agli studenti in un numero limitato di incontri le informazioni generali, e cosa più importante si potrà sperimentare l’esperienza meditativa sulla propria mente”. Queste le tecniche che si apprenderanno nei due weekend: consapevolezza sul respiro e distacco dalle distrazioni; meditazione sugli elementi fisici costitutivi. 
(Cod. MD-02)

Mesi estivi 2020: durante il corso verranno fornite indicazioni per consentire agli studenti di praticare in maniera costante mettendo a frutto gli insegnamenti appresi. Inoltre, come aiuto in tal senso, nello stesso periodo, verranno creati momenti di pratica condivisa presso il Centro a cui gli studenti potranno decidere se aderire.

3 – 4 ottobre 2020
Conduce: Ven. Tenzin Khentse.
Continua il programma del Ven. Khentse: “La meditazione analitica ha due aspetti; nel primo si utilizza la concentrazione senza distrazioni per analizzare e conoscere a fondo i vari temi di indagine come: gli oggetti dei sensi, il sorgere delle sensazioni, l’imputazione di un significato, gli elementi costitutivi dei nostri aggregati fisici, gli oggetti della nostra coscienza e l’aspetto della nostra mente o coscienza, nel suo aspetto più profondo la meditazione analitica indaga sulla vera natura sia degli oggetti esterni che degli oggetti della consapevolezza, nonché sulla vera natura della mente stessa. Nonostante la complessità e la vastità dell’argomento, è comunque possibile trasmettere agli studenti in un numero limitato di incontri, non solo le informazioni generali, ma molto più importante che sperimentino personalmente l’esperienza meditativa sulla propria mente”.
(Cod. MD-03)

6-7-8 novembre 2020
Conduce: Padre Axel Bayer al Sacro Eremo di Camaldoli
Tecniche di meditazione cristiana: la preghiera pura di Evagrio Pontico; il silenzio dello Spirito di Giovanni di Apamea; l’esichia/la calma di Giovanni Climaco; la tradizione della preghiera del cuore; il metodo del movimento di meditazione cristiana (John Main/Laurence Freeman)
(Cod. MD-04)

12-13 dicembre 2020
Conduce: dott. Lorenzo Berti.
Applicazioni cliniche, sociali ed educative della meditazione.
(Cod. MD-05)

30-31 gennaio 2021
Conduce: Dott. Alberto Chiesa

La mindfulness può essere descritta come “la consapevolezza che emerge
dal prestare attenzione di proposito, nel momento presente e in maniera non
giudicante, allo scorrere dell’esperienza, momento dopo momento”. Lo sviluppo
di tale consapevolezza permette una crescente comprensione e una graduale
riduzione dei propri automatismi che limitano la possibilità di approcciarsi alla vita con apertura e comprensione reciproca e che possono causare malesseri psicofisici.
Alcuni dei principali protocolli basati sulla mindfulness includono la Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR) e la Mindfulness Based Cognitive Therapy (MBCT). L’MBSR, ideata dal dottor Kabat-Zinn, integra la meditazione buddista di consapevolezza con la moderna pratica medica e psicologica. Il corso di MBSR è un intervento psicologico di gruppo di 8 settimane, che impiega tecniche di meditazione e di yoga per gestire lo stress o altri disturbi
psico-fisici. L’MBCT è un trattamento psicologico di gruppo di 8 settimane nato
dall’integrazione della terapia cognitivo-comportamentale con il programma
di MBSR. Scopo dell’MBCT è quello di aiutare i pazienti con disturbi psicologici
(soprattutto la depressione). Durante la formazione: verranno approfondite le origini, lo sviluppo, le evidenze scientifiche e meccanismi psicologici e neurobiologici delle pratiche di mindfulness con particolare enfasi sui moderni interventi basati sulla mindfulness.
(Cod. MD-06)

12–13–14 marzo 2021
Conduce: Padre Axel Bayer al Sacro Eremo di Camaldoli
Approfondire la meditazione: come migliorare la posizione seduta; pranayama: raffinare la percezione del prana, il lavaggio del naso (yala neti), kapalabhati. 
Affrontare gli ostacoli nella meditazione: i vritti (pensieri) i klesa (impurità) e le emozioni in relazione alle quattro fonti primarie. La camminata contemplativa; nuove tecniche di meditazione.
(Cod. MD-07)

Aprile 2021: data da definire
Conduce: Swami Rajeswarananda.
Il sistema dello yoga di Patanjali: gli otto passi; lo scopo supremo della meditazione (Jnana Yoga); meditazione vedantica; teoria del vedanta; tecniche di meditazione vedantica.
(Cod. MD-08)


Condividi sui social:
 

x chiudi