Richiedi info sul servizio

 

 

Che cos’è la musicoterapia?

Parafrasando e rielaborando la definizione data nel 1996 dalla World Federation of Music Therapy potremmo dire che la musicoterapia è l’uso della musica e/o degli elementi musicali (suono, ritmo, melodia e armonia) in un processo che, facilitando l’espressione di vissuti e lo sviluppo di competenze, mira all’armonizzazione emotiva e cognitiva.

E’ fondamentale la motivazione di chi partecipa all’incontro di musicoterapia e la disponibilità del musicoterapeuta al mettersi in gioco nel “qui e ora” dell’incontro con l’altro.

Senza eccessive aspettative ma con la fiducia nella verità del mezzo sonoro-musicale e della relazione profonda che permette di instaurare.

Musicoterapia non è quindi imparare a suonare o cantare, per quanto spesso si suoni e si canti, in un incontro di musicoterapia.

Musicoterapia non significa attraverso la musica imparare a parlare o udire, per quanto si possa utilizzare la musicoterapia per favorire lo sviluppo del linguaggio nonché utilizzarla come mezzo di comunicazione efficace con non-udenti.

Musicoterapia non è rilassarsi con un sottofondo piacevole, per quanto l’ascolto di melodie amate possa essere parte integrante di una seduta di musicoterapia.

 

La musicoterapia può essere applicata al singolo o al gruppo, per disagi di varia natura.

Ecco alcune tematiche che è possibile approfondire tramite la musicoterapia:

- disagio emotivo individuale, di coppia o relazionale,

- disorientamento rispetto all’identità e agli obiettivi personali e professionali,

- conflitti all'interno del contesto familiare,

- disturbi di movimento e linguaggio in piccoli e adulti,

- gestione dell'attesa in gravidanza.

 

Un incontro di musicoterapia ha in genere durata di un'ora. 

Non richiede conoscenze musicali specifiche e viene sviluppato dalla dott.ssa Maria Luisa Bellopede secondo queste forme: 

- per gli adulti attraverso l'ascolto musicale e la rielaborazione di vissuti ed emozioni ad esso correlati

- per i bambini mediante l'improvvisazione e la relazione sonore.


Condividi sui social: