Psicologia giuridica

PSICOLOGIA GIURIDICA: METODOLOGIA E AMBITI DI INTERVENTO Info servizio...

La psicologia giuridica in Italia ha radici molto antiche che risalgono già ai primi anni del '900 anche se in conseguenza di conflitti culturali e scientifici ha poi avuto un lungo periodo di ostracismo e chiusura da parte del sapere giuridico. Il vero ingresso della psicologia nel mondo giuridico può essere collocato verso la fine degli anni '70, quando i nuovi cambiamenti sociali hanno richiesto l'intervento degli aspetti più prettamente psicologici all'interno del sistema giuridico e contemporaneamente si è assistito ad un riaccreditamento delle materie psicologiche da parte della comunità scientifica.

Nella realtà giudiziaria italiana è previsto che nel momento in cui il giudice ritenga necessario disporre valutazioni su cognizioni tecniche riguardanti specifiche scienze od arti di cui egli non abbia padronanza, possa disporre la esecuzione di indagini a carattere peritale. Egli ha a disposizione un albo composto da esperti dal quale può attingere ogni volta che lo ritenga necessario.

Anche le diverse parti che intervengono in un processo possono richiedere pareri tecnici al fine di giungere alla definizione degli elementi specifici rilevanti in sede forense. Le parti i causa possono nominare un proprio consulente tecnico che ha la facoltà di assistere alle operazioni peritali, e che può partecipare all'udienza ogni qualvolta vi sia convocato il collega d'ufficio, al fine di garantire la corretta tutela dei diritti del proprio cliente.

La funzione del perito si identifica nella elaborazione di una risposta tecnica motivata rispetto a quesiti di rilevanza giuridica.

La psicologia giuridica è applicabile nei principali ambiti del diritto:

  •     AMBITO CIVILE
  •     AMBITO PENALE (limitazioni che vedremo in seguito)
  •     AMBITO MINORILE
  •     GIUSTIZIA ECCLESIASTICA (annullamenti)
  •     DIRITTO AMMINISTRATIVO (regolamentazioni delle pubbliche amministrazioni)


Campi d'indagine in ambito civile

  •     Valutazione dell'idoneità genitoriale nei casi di separazione, divorzio e relativo affidamento dei figli minori o nelle richieste di adozione oppure nelle richieste da parte dei servizi sociali.
  •     Valutazione del danno non patrimoniale che comprende in sé qualsiasi danno dovuto a comportamento ingiusto altrui che produca una lesione dell’integrità psicofisica (danno biologico - danno biologico di natura psichica), o una grave sofferenza morale (danno morale) o un sostanziale sconvolgimento delle abitudini e delle attività realizzatrici di un individuo (danno esistenziale). Es. incidenti stradali, negligenza medica e professionale in genere, stalking, mobbing....
  •     valutazione dello stato psichico della persona nei casi d’interdizione e inabilitazione psichica nei casi di richiesta di cambio di genere sessuale; nell’accertamento della capacità a fare testamento degli anziani


Campi d'indagine in ambito penale

In campo penale il ruolo dello psicologo giuridico è solitamente quello di affiancare e integrare la valutazione di uno psichiatra forense sulla personalità dell'imputato, di accertarne la capacità di intendere e di volere e la pericolosità sociale.

  •     Capacità processuale/testimoniale
  •     Pericolosità sociale
  •     Vizio totale o parziale di mente
  •     Incompatibilità con il regime carcerario


Campi di indagine in ambito minorile

Per quanto riguarda l'ambito penale minorile, il ruolo dello psicologo giuridico più complesso e delicato riguarda l'osservazione e la valutazione peritale nei casi di ipotesi di abuso sessuale o maltrattamenti su minori.

Lo psicologo può essere chiamato inoltre, sempre in ambito penale ma minorile, a valutare l'idoneità psichica e l'attendibilità della testimonianza del minore, la condizione psicologica ed evolutiva, cioè il grado di maturità e la relativa imputabilità di adolescenti autori di reato. In questo ambito si inserisce lo studio psico-sociale del fenomeno della devianza, del bullismo, dei comportamenti violenti del gruppo dei pari (branco), ecc.